Cara senatrice Cattaneo, proviamo brevemente a rispondere al suo articolo “Il biologico? Sì fa bene. Ma solo a chi produce”, che nei giorni scorsi ha suscitato diverse polemiche. È scritto con grande astuzia e ad una prima lettura suscita disdegno e disapprovazione, soprattutto per le parole rivolte agli agricoltori biologici e al consumo critico. Ma la sua astuzia è stata proprio in questo attacco frontale al mondo del biologico, che ha catalizzato l’attenzione del lettore spostandola dal vero tema che troviamo solo in conclusione. Sì perché, parliamoci chiaro, questo non è il primo degli articoli scritti per mano di ricercatori o scienziati che hanno come vero obiettivo quello di promuovere le nuove biotecnologie e di legittimare gli ingenti finanziamenti pubblici destinati proprio alla ricerca sulle nuove tecniche di breeding, in particolare il genome editing e la cisgenesi. La scorsa estate il governo italiano ha infatti approvato e finanziato il progetto “Biotecnologie sostenibili per l’agricoltura italiana” con 8 milioni di euro, ma questo Senatrice, lo sa meglio di noi! Le sue posizioni, fortemente ideologiche, sul biologico e la sottile accusa di conservatorismo verso coloro che rifiutano l’agrochimica non sono altro che la costruzione di una narrazione tossica, che ha l’obiettivo di promuovere culturalmente le ultime acquisizioni dell’ingegneria genetica. È proprio di questo che ci parla nell’articolo quando afferma “ora possiamo cambiare poche lettere nel DNA e rendere la pianta resistente a parassiti riducendo irrorazioni di antiparassitari ed erbicidi”, semplificando all’estremo delle tecniche di manipolazione genetica, come se fossero “lavoretti di taglia e cuci”, ci vuole far credere che l’uomo può plasmare la natura a suo piacimento senza alcuna controindicazione. E lo fa sostenendo, in maniera fideistica più che critica e scientifica, che questa sia l’unica linea di ricerca possibile, la sola strada percorribile. Cara senatrice le nuove biotecnologie non sono altro che la prosecuzione sotto mentite spoglie della Rivoluzione Verde (che lei infatti non perde occasione di difendere) e dell’agricoltura industriale che ha contribuito alla crisi ecologica e climatica che oggi viviamo, alla quale i produttori, non solo biologici, e i consumatori critici cercano di porre rimedio. Con il sostegno della ricerca potrebbero farlo molto meglio e più efficacemente. Ma la strada imboccata, purtroppo, è un’altra.

adminGC primo pianoOpinioniPrimo PianoCara senatrice Cattaneo, proviamo brevemente a rispondere al suo articolo 'Il biologico? Sì fa bene. Ma solo a chi produce', che nei giorni scorsi ha suscitato diverse polemiche. È scritto con grande astuzia e ad una prima lettura suscita disdegno e disapprovazione, soprattutto per le parole rivolte agli agricoltori...Agricoltura biologica e mercati contadini per l'autogestione alimentare